You are currently viewing “Occhi aperti sulla rete per non cadere nella rete

Più volte negli ultimi giorni sulla stampa
locale si sono susseguiti interventi sull’utilizzo da parte degli adolescenti
dei social e della rete, dal Preside della Fra Salimbene al commento di Pino
Agnetti.

Si tratta di un tema sensibile e delicato e
il giusto approccio non può che essere di mettere i ragazzi, le ragazze e i
genitori nelle migliori condizioni per utilizzare correttamente quegli
strumenti che, piaccia o non piaccia, sono parte integrante della socialità  di
oggi e di domani.

Federconsumatori da tempo si occupa del
tema attraverso la campagna “Occhi
aperti sulla rete per non cadere nella rete
, che ha dato vita a una ricerca
tra gli adolescenti tra i 12 e i 17 anni sulla “web reputation (sul sito www.federconsumatori.it) e a un
impegno sul territorio di informazione di educazione, a partire dalle scuole a
cui si aggiunge un’azione di tutela dei ragazzi vittime del cosiddetto cyberbullismo, una pratica diffusasi
negli ultimi anni consistente in atti di bullismo e di molestie effettuati
proprio attraverso i mezzi elettronici quali, ad esempio, e-mail, blog, siti
web e messaggistica istantanea.

La cronaca degli ultimi anni (e purtroppo
quella degli ultimi giorni) non ci ha risparmiato casi  di bambini e ragazzi che sono addirittura
giunti a togliersi la vita sotto il peso della circolazione e della
divulgazione sul web di foto spiacevoli, di giudizi malevoli, di insulti, di
atti speculatori.

All’interno di questo progetto, Federconsumatori Parma
mette a disposizione uno sportello di assistenza gratuita in tutti i casi in
cui siano dei minori a cadere vittime di pratiche scorrette sulla rete e a
essere lesi dal fenomeno della cattiva web reputation.

  • Categoria dell'articolo:Senza categoria
  • Tempo di lettura:2 min. di lettura